A quale temperatura devo cuocere?

prodotti pronti per il forno!

Buongiorno carissimi, 

Eccomi oggi con un’articolo che sono convinta vi piacerà! 

Ecco una delle domande più gettonate da tutti: A quale temperatura devo cuocere?

La risposta è: Dipende dall’impasto. 

Tentiamo di capire prima però un paio di argomenti fondamentali: 

Il mese scorso abbiamo parlato di impasti, e li vi ho spiegato che ci sono due famiglie di impasti, quelli porosi e quelli compatti. Ok! a seconda quindi di quale famiglia di impasto abbiamo da cuocere la temperatura finale sarà da bassa o da alta temperatura. 

Ora, si sà che per smaltare la ceramica normalmente si fa una doppia cottura: 

La prima cottura del pezzo la faremo quando il manufatto e’ già modellato, finito e rifinito e quando sarà completamente secco.

 Quando quindi non ci saranno tracce di umidità allora possiamo mettere in forno tutti pezzi e fare una prima cottura a “biscotto”.

Ma quando intendi tutti i pezzi, parli anche di pezzi realizzati con impasti uguali o possono essere anche di impasti diversi? 

Qui come al solito la risposta è DIPENDE

ECCO FAQ RELATIVE AL BISCOTTO E LE RISPOSTE

Se abbiamo solo impasti porosi, possiamo cuocerli insieme in prima cottura? 

terra rossa e bianca possono essere cotte insieme a 980 gradi potrebbe essere un buon compromesso, a patto però che questi non si tocchino tra di loro e non si sovrappongano, altrimenti quelli rossi macchieranno il bianco.

Se ho solo terra bianca, a quale temperatura devo cuocere? Dipende! Dipenderà dalla terraglia che hai comprato, puoi provare la cottura tra i 980 gradi ed i 1000 gradi. L’importante è che questa rimanga assorbente!

Se ho solo terra rossa a quale temperatura posso cuocere?

Stessa risposta che per la terra bianca, dipende! puoi andare dai 950 ai 980 massimo. 

Posso cuocere l gres con impasti porosi (terra rossa e bianca?) 

Dipende! dipende di quale gres, ed ecco qui la cosa interessante: 

Non tutti i gres cuociono alla stessa temperatura, ma tutti i gres greificano (vetrificano, compattano i pori). Quindi e’ importante fare il biscotto del gres prima che questo greifichi! e quindi dovrete fare dei provini a diverse temperature per capire a quale temperatura di biscotto piace essere cotto il vostro gres. 

Cioè? sono tutti diversi? 

Non tutti, ma ci sono vari gres diversi, ad alcuni piace essere cotti a 930 (gres neri) altri 950, altri a 980 stanno benissimo, altri a 1000!

E quindi come decido? 

Di solito cuocio il gres a 950 gradi max e quelli neri a 930 gradi max (quelli senza chamotte sopratutto)

E se poi vedo che lo smalto non assorbe come dovrebbe allora vuol dire che la temperatura è troppo alta!

Posso mettere quindi terra bianca, rossa e gres insieme? 

Ipoteticamente si, se trovi una temperatura che vada bene a tutti.

Il gran segreto 

Speravi che in questo articolo ti elencassi le temperature dii cotture di ogni impasto vero? 

Ok facciamolo! anche se il segreto non è questo, prima l’elenco !delle mie personalissime temperature di cottura che piacciono a me e che potrebbero essere diverse da quello che piacce a te)e poi il segreto: 

  • Terra rossa Cibas: 980 gradi 
  • Terra bianca TP4 cibas: 980 o 1000 a seconda del forno che c’è 
  • Gres bianchi: 950 gradi
  • Gres nero senza chamotte: 930 gradi
  • Gres porcellanato 1100 e porcellana southern ice: 1000 gradi

IL VERO SEGRETO 

Non è prendere le mie temperature e usare quelle come se fossero le uniche possibili… l’unico modo per capire quale sia la temperatura ideale di cottura per te è provare!

Ma come faccio a provare??!

Con metodo:

Innanzi tutto, fai tante tesserine di tutti gli impasti che utilizzi in laboratorio. 

Ti faccio un esempio di un metodo che dovresti provare:

Ho tre terre: rossa (950 – 980) bianca (980 – 1000) e gres senza chamotte (1000 – 1250)

Faccio varie tesserine per ogni impasto e scrivo dietro separando i provini in tre mucchi 950 – 980 – 1000 

Poi procedo con le mie infornate

  • Faccio un forno a 950 (ottimo per gres!) ed inserisco dentro anche le tesserine di terra rosse e bianche ed anche dii gres
  • Faccio un forno a 980 (ottimo per terra rossa!) ed inserisco dentro le tesserine di terra bianca e gres e anche di t. rossa
  • Faccio un forno a 1000 (ottimo per alcune terraglie bianche e semirefrattari) ed inserisco all’interno anche altre tesserine del mucchio contrassegnato 1000

A questo punto avrò un campionario di tre impasti biscottati a tre temperature diverse. E procedo in questo modo

Faccio un forno per smalti da bassa temperatura, uno che fate solitamente! (920? 960? 980? non importa!) fate il vostro solito forno, e smaltate con uno degli smalti che utilizzate per  vostri pezzi infornati fate un provino colore per ognuna di queste tesserine un per mucchio, ad esempio: 

Prova 1

FACCIO UN FORNO A 980 GRADI, con pezzi finiti smaltati di blu e verde? perfetto! prendo il verde che ho usato, e con la stessa densità provo a smaltare anche i provini da bassa temperatura da inserire nel forno. 

Inserirò quindi: 

  1. 3 provini di terra bianca cotte a tre diverse temperature
  2. 3 provini rosse cotte a tre diverse temperature

Così ho infornato 9 provine, ed ottengo un campionario. 

Cosa posso osservare con questa prova? 

Innanzi tutto, già quando smaltate fateci caso a quali sono i provini che assorbono meglio lo smalto? lo smalto si deve asciugare immediatamente? funziona meglio quello cotto a 950, a 980 o a 1000? 

Può essere che la risposta sarà diversa per rossa e bianca. 

Dopo di chè guardate i risultati in cottura e considerate… E’ venuto meglio lo smalto in quelle da 950, da 980 o da 1000? e anche qui la risposta potrebbe essere diversa da rossa a bianca. 

Lo so, non è divertente come sperimento!

Ma gli sperimenti non devono essere divertenti solo, devono anche essere utili. Sono questi gli sperimenti che adoriamo i ceramisti, andare avanti con metodo è l’unica opzione. 

Dico sempre ai miei allievi, quando arrivate con le domande, arrivate con le prove già fatte :D!!! Quindi provare per credere ragazzi! 

Faremo la stessa cosa con il gres! 

Prova 2

FACCIO UN FORNO A 1250 GRADI PER GRES SMALTATO, Ho smaltato tutte le prove con uno smalto rosa da alta temperatura. 

Prendo quindi 3 provine di colore di gres, un aper ogni temperatura (950, 980, 1000) e le smalto con lo stesso smalto che ho usato per i pezzi, cioè quello rosa. 

Poi inserisco i provini nel forno ed analizzo: 

Quale provino assorbiva meglio lo smalto, quello a 950, a 980 o a 1000? La risposta potrebbe essere anche, NESSUNO! se tutti assorbivano male, allora sappiamo che tutte e tre le temperature per quello specifico gres sono troppo alte! 

Quale è il risultato che più mi piace? quello a 950 a 980 o a 1000? Potrebbe essere che vi piacciono tutti! 

CONCLUSIONE

Questo articolo vuole spiegarvi che non c’è una temperatura di cottura a biscotto universale. Quindi nessuni potrà dirvi quale sia la temperatura migliore per voi. Per chè come potrete intuire e come scoprirete una volta che farete queste prove che vi suggerisco, vi renderete conto da soli che i risultati finali cambiano tantissimo a seconda della temperatura di cottura del biscotto, e ovviamente dall’impasto che utilizziamo. L’unico modo quindi di scoprire a quale temperatura devi cuocere un tuo manufatto è facendo queste prove campione.

Ma io non cuocio mai a 1000 gradi! dovrei fare un forno solo a 1000 gradi per fare queste 3 provine? 

Si, se vuoi fare questo sperimento, altrimenti non lo potrai fare con la temperatura da 1000, puoi provare con altre 930 , 950 , 980 ad esempio! Lo sperimento è tuo!

Bene ragazzi, ecco un bel compitino da fare durante questo mese!

Nei miei corsi sono questi i tipi di compiti che do e che faccio fare. 

Vi suggerisco di capire con i vostri occhi e la vostra esperienza quali siano le differenze tra una cottura a biscotto ed un’altra, solo così starete davvero dando dei passi in avanti. Se semplicemente prendete per buona una temperatura che vi hanno detto senza chiedervi, quale era l’impasto? di quale marca? quali sono le altre possibilità? allora rimarrete sempre con lo stesso dubbio, A quale temperatura devo cuocere?

Spero di aver risposto finalmente a questa interessantissima domanda che mi fanno sempre. Non c’è niente di più bello che scoprire quanti varianti può avere la ceramica

Buono studio e buoni sperimenti!

Daniela